TURISMO SOSTENIBILE





Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini si è impegnato nel promuovere un turismo sostenibile, nella consapevolezza che turismo e ambiente naturale sono legati l’uno all’altro a “doppio filo”. L’ambiente integro è, per il turismo, un forte motivo di attrattiva. Ma per contro il turismo rappresenta, per l’ambiente, un fattore di rischio in quanto in grado di generare un forte carico antropico ed un impatto negativo sul territorio.
Il turismo sostenibile rappresenta dunque la soluzione per conciliare lo sviluppo economico con la conservazione dell’ambiente.

In base alla definizione generale di sviluppo sostenibile, anche lo sviluppo del turismo sostenibile deve fondarsi su tre pilastri e cioè:
  • sostenibilità sociale
  • sostenibilità ambientale
  • sostenibilità economica

    Sulla tematica del turismo sostenibile e sulle problematiche ad esso correlate il Parco Nazionale dei Monti Sibillini si è fortemente impegnato si dal 1999 anno in cui è stato avviato il processo di adesione alla Carta Europea del Turismo Sostenibile ed è stata avviata l’elaborazione del Piano di Interpretazione Ambientale.
  •  

    Il 2 ottobre 2010, nell'ambito della Conferenza di Europarc che si è tenuta a Pescasseroli, è stato consegnato al Parco il certificato di rinnovo di adesione alla Carta Europea del Turismo Sostenibile.

    La conferenza di Europarc si è conclusa con l'approvazione della Carta di Pescasseroli un documento comune con cui Europarc Federation, in rappresentanza delle oltre 400 aree protette associate, chiede all'Unione Europea ed ai Governi Nazionali di riconoscere nelle loro politiche il ruolo centrale della aree protette nella conservazione della biodiversità.