Piano per il Parco
Soggetto gestore: Ente Parco
Importo finanziato: € 1.367.678,00
Stato del progetto: inviato alle Regioni


Il Piano del Parco, finanziato oltre che con i fondi di cui all'OB. 5B) della Regione Marche anche con i fondi correnti dell'Ente, costituisce un elemento fondamentale per un corretto sviluppo del territorio dei Sibillini.
In particolare art. 12 della L. 394/91 prevede che il Piano del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, predisposto dal Parco, è adottato dalle Regioni Marche ed Umbria, sentiti gli Enti Locali; depositato quindi per 40 giorni presso le sedi dei Comuni, Comunità Montane e Regioni può essere oggetto, nei 30 giorni successivi, di osservazioni da parte di tutti i soggetti interessati. Nei 120 giorni seguenti le Regioni, d'intesa con il Parco e, per la zona di Promozione Economica e Sociale, anche con gli EELL, approvano il Piano.

Le indagini del Piano del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, al fine di garantire anche un corretto inquadramento dell'area vista quale "sistema centrale" di un insieme di relazioni di tipo naturalistico, sociale economico e nell'ottica anche di individuazione di un'area contigua coerente (art. 32 della L. 394/91) hanno riguardato una superficie territoriale di ca. 140.000 ha, assai ben più vasta quindi di quella attualmente coperta dal Parco stesso (70.000 ha).

Dal punto di vista metodologico il lavoro del Piano si sta sviluppando attraverso 3 fasi: analisi conoscitive, cioè una serie di letture operate da esperti di diverse discipline che costituiscono la "conoscenza fondamentale" indispensabile a porre le basi per garantire una corretta gestione del territorio;

analisi di tipo intra ed inter settoriale, sulla base di una griglia interpretiva e di confronto, all'interno della quale, per le diverse discipline, si sono identificati i diversi elementi strutturanti, caratterizzanti, qualificanti, nonchè di criticità;

elaborazione del Preliminare del Piano del Parco, i cui elementi fondamentali sono rappresentati dall'aver:

- delineato una prima articolazione del Parco per unità di paesaggio, intese come parti di territorio caratterizzate da peculiari sistemi di relazioni ecologiche, funzionali, storiche, culturali e visive fra elementi chiamati a dialogare fra loro;

- definito la necessità di operare in un'ottica di rete, intesa come vero e proprio sistema che mette in relazione ed in sinergia fra loro le diverse realtà e potenzialità locali;

elaborazione del Piano del Parco, che sarà presentato per l'approvazione alle Regioni Marche ed Umbria.

 

Piano del Parco - Approvato dal Parco - Inviato alle regioni Marche ed Umbria per l'adozione

 

 

Copyright © 2001-2005 Parco Nazionale dei Monti Sibillini
Tutti i diritti riservati
Revised -- 24.08.2005
URL: http://www.sibillini.net/attivita/index.html