CENTRO FAUNISTICO

Il cervo

E’ costituito da una vasta area recintata che si estende, per circa 29 ha di superficie, sul versante meridionale del M. Cornaccione, tra gli abitati di Castelsantangelo sul Nera e Vallinfante. L’area si articola a sua volta in diversi settori recintati e attrezzati che formano una sorta di “Wildpark”, secondo l’originaria denominazione centro-europea, dove più aree faunistiche ospitano, in condizioni di “semi-libertà”, specie diverse, quali cervi e caprioli, che possono quindi mantenere comportamenti e abitudini – anche nell’alimentazione e nella riproduzione - molto simili a quelle naturali. Oltre a consentire una conoscenza autentica degli animali da parte di studiosi e visitatori, il mantenimento del carattere selvatico degli animali ospitati in un’area faunistica rappresenta un requisito necessario per l’attuazione di interventi di reintroduzione o ripopolamento in natura.
Il Centro faunistico è parte dell'Ecomuseo del cervo di cui fa parte anche il centro visite, uno spazio espositivo allestito con suggestivi diorami.

 

Le finalità e le funzioni del Centro faunistico sono molteplici ma tutte in qualche modo concorrono, direttamente o indirettamente, a garantire il successo della reintroduzione del Cervo nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Tra le funzioni principali ricordiamo: attività di ricerca scientifica per la conoscenza degli animali in condizioni agevoli e controllate; attività didattiche, di educazione ambientale e di sensibilizzazione; facile osservabilità degli animali da parte dei visitatori, limitando così il disturbo in natura; ricovero di animali problematici o feriti; valorizzazione turistica del territorio e promozione dello sviluppo sostenibile locale. Oltre ad assolvere a funzioni scientifiche e naturalistiche, il Centro Faunistico è quindi destinato a turisti ed appassionati di natura che possono imparare ad osservare e conoscere con l’ausilio di pannelli e da torrette, accompagnati da personale qualificato, i tanti e diversi segni di presenza, il sesso, l’età e i comportamenti degli animali nel Centro.

ATTIVITA' DEL CENTRO FAUNISTICO

"Chi li ha visti?"
Alla ricerca dei cervi, furtivi e silenziosi, tornati a popolare i Monti Sibillini

"Una giornata da ricercatore"
Monitoraggio e osservazione sul campo dei cervi, accompagnati da un esperto che ne svelerà ogni segreto.

"Bentornato nobile cervo!"
Escursione guidata per conoscere il comportamento di questo ungulato nel proprio ambiente naturale

Le diverse attività vengono organizzate in tutto l'arco dell'anno, su prenotazione (tel 339 6039 429).

 

CENTRO VISITE E CENTRO FAUNISTICO

Orari di apertura


Il Centro visite e il Centro faunistico vengono aperti al pubblico solo su prenotazione (tel. 339 3210083)

PER SAPERNE DI PIU' SULLA REINTRODUZIONE DEL CERVO

I filmati dei rilasci:

- il primo rilascio (5 marzo 2005): download (1,6 Mb circa)
- il secondo rilascio (7 aprile 2005): download (1,1 Mb circa)
- il terzo rilascio rilascio (22 febbraio 2006): download (2,6 Mb circa)
download a bassa definizione (760 Kb circa)

Il progetto

Articoli tratti da Voci dal Parco

Pubblicazioni

Quaderno scientifico "Il Cervo nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini"
Ed. Parco nazionale dei Monti Sibillini 2006 (prezzo 5,50 Euro)

Opuscolo "Incontriamo il Cervo"
Ed. Parco nazionale dei Monti Sibillini 2006 (prezzo 1,00 Euro)

Depliant "Il Centro del Cervo" (gratuito)