- ANELLO DELLA VALLE DEL TRONTO


Sviluppo: km 20,8

Dislivello complessivo in salita: m 1210

Difficoltà: media

Tempi consigliati: mezza giornata

Interesse prevalente: paesaggistico



La valle che "unisce" e "separa"


Per la sua posizione di dominio sulla valle del Tronto, percorsa dalla via Salaria, il colle di Arquata venne fortificato, tra l’XI e il XIII sec., con la costruzione del maestoso castello della Rocca, recentemente ristrutturato, in cui risiedette Giovanna D’Angiò di Napoli. Merita comunque una visita anche la chiesa di S. Salvatore a Borgo, dove è conservato un crocifisso ligneo del XIII secolo. Il territorio della valle e dei rilievi minori circostanti è prevalentemente ammantato di boschi di faggio e castagneti, mentre alle falde del Vettore si estende un bosco artificiale di conifere. Dal versante che da Forca di Presta scende verso Arquata del Tronto lo sguardo spazia sui selvaggi Monti della Laga.



  
 


TOUCH DISPLAY



                                                           
Attenzione, i link opachi corrispondono a percorsi attualmente chiusi.



 

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE