"HOTEL PARADISO"


Indirizzo: Piazza Umberto I,7 63021 Amandola (FM)

tel. e fax 0736 847468

E-mail: hparadiso@inwind.it

Sito web: www.sibillinihotels.it




Storia e curiositÓ

L'albergo nasce negli anni '50 nella proprietÓ, acquistata dalla Marchesa Ferranti, "Villa delle Rose", che domina dall'alto la Piazza di Amandola. I lavori terminano negli anni '60 e prende vita l'Hotel Paradiso, gestito ormai da due generazioni dalla famiglia Curi. Da sempre il ristorante Ŕ il fiore all'occhiello dell'hotel. La cucina proposta trova le sue radici negli insegnamenti di mamma Enrica grazie ai quali si mantengono vivi i sapori della tradizione locale.







Il nostro piatto per il Men¨ della Sibilla

Maccheroncini di farro (Disponibile tutto l'anno)
Il farro Ŕ un'antichissima varietÓ di grano adatta ad essere coltivata anche a quote elevate. I nostri maccheroncini di farro sono fatti a mano con farina di farro e uova. Come dall'antica ricetta, al farro Ŕ aggiunto un po' di "tritello", cioŔ della crusca rimacinata, e la pasta Ŕ lasciata essiccare all'aria su dei graticci di legno. I maccheroncini sono conditi con pomodorini, peperoncino e funghi porcini.

Cosa c'Ŕ nel piatto

I prodotti utilizzati... 
La farina di farro, macinata a pietra, proviene da coltivazioni locali.
I funghi porcini sono raccolti in natura ed acquistati da aziende di stoccaggio e trasformazione, che ne garantiscono l'esame micologico.

...e i loro produttori
Le farine vengono fornite dal Mulino di Monte San Martino.
Le uova sono fornite dall'Avicola Palombi di Monte San Martino, mentre i funghi sono acquistati da vari fornitori locali.

Metodo di produzione
Il farro proviene da aziende locali ed Ŕ prodotto con metodi di agricoltura biologica. La farina di farro Ŕ ottenuta con la tradizionale macinatura a pietra.

Questi prodotti aiutano la biodiversitÓ

Il farro Ŕ un cereale che si adatta molto bene ai terreni poveri, pietrosi e collinari e resiste agli inverni rigidi, nonchÚ a condizioni di ariditÓ o di umiditÓ. Per questi motivi generalmente Ŕ coltivato in aree marginali ed in piccoli appezzamenti, come accade sui Monti Sibillini. La coltura non ha particolari esigenze di concimazione e diserbo.
Questo incide in maniera molto positiva sul mantenimento della biodiversitÓ. La pratica agricola tradizionale, favorisce infatti la presenza di molte specie animali. In particolare la presenza di insetti rappresenta la condizione necessaria per la vita di altre specie animali, soprattutto uccelli, che di essi si nutrono. Non va inoltre dimenticato che le antiche varietÓ di farro, coltivate sui Sibillini, rappresentano di per sŔ parte di quella biodiversitÓ alimentare che siamo chiamati a tutelare.