PRESSO IL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI IL CONVEGNO INTERNAZIONALE "IL PARCO E' DI TUTTI. IL MONDO ANCHE" "L'ACCESSIBILITA' NELLE AREE PROTETTE"
Auditorium S.Francesco - Norcia, Parco Nazionale dei Monti Sibillini Giovedì 2 - Domenica 5 ottobre 2003

 

Nella seconda parte del pomeriggio di ieri sono state presentate dai numerosi relatori stranieri le positive esperienze di "buone pratiche" già messe in atto, in alcuni casi da decenni. Ottimo esempio viene dall'esperienza americana, illustrata da Erin Broadbent, del National Park Service che ha spiegato come in America è dal 1968 anno in cui è stata varata la "American Disabily Act" che i Parchi naturali hanno lavorato per rendere il loro territorio quanto più accessibile. Il cardine dell'accessibilità archittetonica è basato sul principio della progettazione degli interni, per esempio nel caso degli Information Points o dei Visitors Centre, cui viene prestata particolare attenzione, per raggiungere risultati quanto più soddisfacenti. In America è stata avviata una costruttiva collaborazione tra i gestori dei parchi e le associazioni dei disabili. Il fiore all'occhiello dell'accessibilità nei Parchi USA sta nei percorsi sensoriali: in questo modo si fornisce un servizio anche ai disabili non motori, un ambito che in Europa non è ancora stato preso in considerazione in maniera adeguata". Berthe Gilbert Almeras, educatrice della National Wildlife Federation, ha presentato i risultati di "Access Nature" un progetto di educazione ambientale dedicato ai ragazzi tra i 6 ed i 18 anni sia con disabilità sia normodotati che si basa sull'ntegrazione . Il programma è di semplice realizzazione ed è rivolto agli educatori e a tutte le persone che in qualche modo (parenti, terapisti, naturalisti) entrano in contatto con questi ragazzi. Tanti altri interventi degli ospiti internazionali che hanno concluso il pomeriggio dedicato alle "buone pratiche": Peter Townsend, del World Conservation Union, ha illlustrato le "buone pratiche" del Regno Unito e Kees Kuijken del Ministero Agricoltura Natura e Sicurezza Alimentare olandese che, nonostante la facilità d'accesso dei Paesi Bassi (la montagna più alta misura circa 300 mt) ha illustrato le numerose iniziative che il suo Ministero in collaborazione con le associazioni ha realizzato per rendere ancor più accessibile, soprattutto dal punto di vista informativo. Per quanto riguarda l'Italia Franco Ferroni Coordinatore Attività e Progetti Aree Naturali Protette WWf Italia ha presentato quanto la sua associazione ha fatto, in collaborazione con le associazioni che si occupano di disabilità e di anziani, per rendere accessibili 15 delle loro aree attraverso mappe tattili, laboratori e percorsi multisensoriali. Tutti questi percorsi hanno però il limite - imposto dall'ambiente - del "carico degli ecosistemi" poichè devono tenersi entro il limite della sostenibilità ambientale. Lorenzo Borghi, Referente nazionale Lipu per l'Accessibilità agli Ambienti Naturali, prima associazione italiana ad aver creato un'oasi accessibile già nel 1988, ha affermato come questa scelta sia sia rivelata - all'atto pratico - non solo socialmente rilevante e gratificante a livello personale, ma anche economicamente conveniente. Questa considerazione nasce dal fatto che "queste categorie interessate, avendo per lungo tempo creduto di non poter più godere di queste emozioni, ne apprezzano il valore molto più degli altri e quindi ne appoggeranno il mantenimento, il loro miglioramento ed il loro possibile aumento" Il Convegno prosegue ora con i numerosi gruppi di lavoro i cui risultati porteranno alla definizione dei Principi della Carta di Norcia. Il Convegno è organizzato nell'ambito delle iniziative ufficiali dell'Anno Europeo delle Persone con Disabilità e si svolge sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio di Ministero dell'Ambiente, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, D.G. Turismo del Ministero Attività Produttive, European Disability Forum, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Comitato Nazionale Italiano di Unesco, Enit, Forum Permanente del Terzo Settore, Bureau International du Tourisme Social (BITS), FAND, Regioni Umbria e Marche, Europarc, UICN, National Parks Service U.S.A. E' realizzato con il contributo di TIM, Nerea Acque minerali, Club Vacanze.