MONTEMONACO
Il monte dei Benedettini

Gli eventi sismici del 2016 hanno interessato tutti i Comuni del Parco, seppur in misura differente. Molti edifici storici sono stati danneggiati e in alcuni comuni sono presenti zone rosse a cui è interdetto l’accesso.
Le zone rosse e, più in generale, le limitazioni all’accesso negli abitati e su strade e sentieri sono rappresentati nella mappa consultabile al seguente link: http://www.sibillini.net/il_parco/gps/mappaSisma.jpg Le descrizioni riportate di seguito sono riferite allo stato precedente il terremoto.

Mons Daemoniacus: Secondo la leggenda era questo l'antico nome del paese, dovuto alla pratica di culti pagani legati alla grotta della Sibilla e al lago Pilato. Poi, nell'Alto Medioevo, su questo insediamento arroccato a 980 metri, proprio di fronte al Monte Sibilla, salirono i monaci benedettini. Essi diedero un forte impulso alle attività e all' organizzazione del territorio. Si formarono così i primi nuclei di abitazioni dei coloni ai quali vennero affidate le terre possedute dai religiosi per coltivarle. Così, già alla fine del X secolo, Montemonaco costituiva un piccolo paese che, sotto la guida spirituale e morale dei monaci, divenne, negli anni successivi, un importante punto di riferimento del territorio montano.




DA VISITARE Da piazza Roma (1), uno sguardo dalla terrazza panoramica per poi giungere al Palazzo Comunale con la torre civica (2) del ’300; si prosegue fino alle due chiese di San Biagio (sec XV) e San Benedetto Abate (sec XIII) (3). All’interno di quest’ultima si trovano un Crocifisso in legno policromo di fine quattrocento, un affresco di scuola crivellesca, raffigurante Cristo crocifisso tra la Vergine e S. Lucia, un reliquiario del XVI secolo in argento, che custodisce le reliquie del braccio di S.Benedetto. Attraversando i giardini pubblici (4) si possono osservare i resti delle mura castellane (5) intervallate da tre torrioni e un suggestivo panorama sui massicci del M. Vettore e del M. Sibilla (6). Proseguendo si arriva alla porta S. Biagio (7). Oltrepassatala, si giunge al Parco Monteguarnieri (8). Proseguendo si arriva in piazza Risorgimento (9).
Il percorso attraverso le vie del borgo si conclude con i resti, inglobati all’interno delle mura, di
porta San Lorenzo (10). Splendida la villa Curi (11), sede del Museo della Grotta della Sibilla.

alleria link Edifici di Culto link Castelli e Fortificazioni link Musei link Ospitalità Delizie Della Terra Manifestazioni Ristorazione